Equitalia: come evitare il fermo dell’auto e le altre azioni esecutive.

Dopo aver rovinato il Ferragosto di migliaia di italiani, Equitalia, il principale agente della riscossione dei tributi, si accinge ad apporre il fermo amministrativo su moltissime auto e moto.

Ebbene sì, tra il 12 ed il 13 agosto, giusto prima delle ferie di ferragosto, gli sportelli Equitalia di tutto il Paese hanno notificato a decine di migliaia di contribuenti il tanto temuto preavviso di fermo amministrativo del mezzo di loro proprietà.
In sostanza, ogni malcapitato contribuente ha ricevuto un sollecito di pagamento delle cartelle a suo carico che risulterebbero ancora insolute, unitamente al dettaglio di tutti gli addebiti (in un foglio allegato). A ciascuno è stato quindi concesso un termine di 30 giorni (dal ricevimento della notifica) per pagare, con la “promessa” che, in caso di mancato pagamento, si procederà col fermo amministrativo del mezzo (auto o moto che sia).

Come hanno reagito gli italiani al ricevimento di tale lettera? Alcuni hanno pagato la somma richiesta, altri hanno chiesto la rateazione del debito (essendo impossibilitati a pagare l’intera somma in un’unica soluzione), altri ancora hanno sollevato contestazioni, richiesto lo sgravio delle intere cartelle o, almeno, di parte delle somme loro addebitate.

Visto che, al momento, sembra che i fermi amministrativi non siano ancora stati eseguiti (almeno la maggior parte di quelli preannunciati), c’è ancora tempo per bloccarli. Ecco chi può farlo e quale iter deve seguire.

Prima cosa da fare: analizzare il dettaglio degli addebiti.
Se le cartelle esattoriali, le multe e/o gli atti di accertamento indicati non sono mai stati ricevuti dal contribuente, è opportuno richiedere agli enti creditori interessati ed alla stessa Equitalia di fornire copia della c.d. relazione di notifica di tali atti. Dopodichè, se risultasse che la notifica non è avvenuta o, comunque, è invalida (es. indirizzo errato), sarà opportuno richiedere lo sgravio e l’annullamento dell’atto.

Altra verifica da fare: controllare che le somme non siano già state pagate oppure che gli addebiti siano già stati annullati (ad es. con una sentenza della Commissione Tributaria o del Giudice di Pace oppure da provvedimenti di sgravio richiesti ed ottenuti in autotutela).

Infine, vanno controllate le date di notifica degli atti, quelle di iscrizione a ruolo delle somme e gli anni di riferimento dei tributi. Se fossero già scaduti i termini di prescrizione o di decadenza, bisognerà eccepirlo formalmente.

Il consiglio, quindi, è quello di far analizzare ad esperti della materia la propria situazione debitoria, in modo da procedere con tutte le contestazioni del caso nella maniera e nella forma più adeguate (es. richiesta di sgravio, opposizione alla cartella, opposizione all’esecuzione, ricorso in Commissione Tributaria, ecc.).

Annunci

4 thoughts on “Equitalia: come evitare il fermo dell’auto e le altre azioni esecutive.

  1. buona sera,ho 34 anni…disoccupato con alle spalle una snc,mi arrivano cartelle di equitalia e’lultima con il blocco della mia moto..che e’l unico mezzo che e in mio possesso,sinceramnte avevo cominciato a pagare equitalia ma ho interrotto per il semplice motivo che ho perso il mio lavoro ……….cosa devo fare?quale strada seguire?a chi rivolgermi?aiutatemi…grazie

    • Buongiorno, per valutare le Sua posizione debitoria (cartelle prescritte o con vizzi procedurali tali da determinare la nullità delle cartelle) necessitiamo di ricevere a mezzo fax, mail o posta ordinaria, un estratto di ruolo dettagliato della Sua posizione debitoria (www.vittimediequitalia.it/estratto-di-ruolo.html ). Si ricordi di riportare a penna un numero di telefono al quale poterla richiamare.
      Purtroppo il file che ci ha inviato non è un estratto di ruolo dettagliato.

      Cordialità
      La segreteria

  2. buongiorno avevo una piccola impresa, poi chiusa xke sia x equitalia e poi x il durc che non potevano darmi. colpa d’imprese che non mi pagavano e non potevo pagare. qualche mese fa mi arriva adirittura una cartella di 92.000,00 € che non riesco a capire di cosa si tratta. poi abbiamo aperto un’altra con mio figlio lo stesso problema vi prego aiutatemi.grazie il mio n, 3392602425 cordiali saluti

    • Buongiorno, per valutare le Sua posizione debitoria (cartelle prescritte o con vizzi procedurali tali da determinare la nullità delle cartelle) necessitiamo di ricevere a mezzo fax, mail o posta ordinaria, un estratto di ruolo dettagliato della Sua posizione debitoria (www.vittimediequitalia.it/estratto-di-ruolo.html ). Si ricordi di riportare a penna un numero di telefono al quale poterla richiamare.
      Purtroppo il file che ci ha inviato non è un estratto di ruolo dettagliato.

      Cordialità
      La segreteria

      ci chiami al numero 3407526454

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...